Ti trovi qui:Home»PSR Basilicata - Visualizza articoli per tag: Faq
Giovedì, 27 Marzo 2014 16:55

Faq Bando Misura 313 Azioni A e B

D: Una srl, impresa culturale che gestisce il centro visite del Parco ******** e relativi itinerari turistici ed escursionistici, che ha sottoscritto a questo proposito un contratto di gestione per 5 anni con l'Ente ******* è un soggetto eleggibile in quanto "organismo di gestione di aree sensibili alla valorizzazione turistica"?

R: Assolutamente SI. A condizione che lo Statuto sia si tratti effettivamente di impresa culturale (rilevabile chiaramente dallo Statuto e/o Visura camerale) e che sia fornito il contratto di gestione.

D: Puo' esser considerato chiosco informativo multimediale e quindi rendicontato un IPAD (o computer simile con touch screen), con software informativo dedicato?

R: Un chiosco multimediale è da intendersi quale sistema "informatico fisso". Gli IPAD non sono ammissibili.

D: La realizzazione di cartine e mappe multilingue con descrizione di itinerari sono ammissibili e dove?

R. No, non sono ammissibili.

D: I lavori di ristrutturazione di una cucina sono ammissibili e dove? Se si, in centri d'informazione o in itinerari?

R: Il quesito non è posto in modo chiaro. Ad ogni modo appare improbabile che una cucina possa essere collegata al miglioramento della fruibilità del patrimonio naturale / culturale

D: L'implementazione di un sito internet in lingua straniera e' una spesa ammissibile?

R: Si, esclusivamente sulla tipologia d'investimento b)

D: Un beneficiario, pur avendo presentato un progetto a valere sul precedente bando, attualmente in attesa di collaudo), può presentare progetto e relativa domanda di aiuto anche per questo II bando?

R: Si, fatta salva la regola del de minimis che non permette di cumulare un contributo maggiore di euro 200mila nell'ultimo triennio (2014-2012).

D: quattro comuni devono procedere alla costituzione ex novo di una associazioni di comuni per la candidatura del progetto, detta associazione può essere costituita successivamente all'approvazione del progetto fermo restando che le delibere dei quattro comuni vengono realizzate prima della candidatura?
R: Devono limitarsi ad adottare la delibere come previsto all'art. 13 del Bando. Eventuali altri adempimenti saranno definiti nel provvedimento di concessione.

 D: Per quanto riguarda gli investimenti tipo a) terzo puntino, possono essere ammissibili adeguamenti di rifugi forestali pubblici effettuati da un privato, quale cooperativa turistica in presenza di un accordo di comodato in gestione?

R: Si, purché l'iniziativa sia presentata da un soggetto ammissibili ai sensi dell'art.5.D:Possono associarsi anche comuni non confinanti.

D:Possono associarsi anche comuni non confinanti?

R: Per quanto sia auspicabile che si progetti per comuni contermini, il bando non prevede alcun obbligo. Sicuramente occorrerà giustificare bene le ragioni tecnico-progettuali che hanno portato all'associazione fra amministrazioni non confinanti.

D: Una cooperativa sociale che nel suo statuto, ha per oggetto sociale il perseguimento delle seguenti attività: "servizi di ricezione ed ospitalità in strutture turistiche, alberghiere e di ristorazione, compresi servizi per il turismo sociale......... gestione biblioteche, cineteche, musei, strutture monumentali di interesse culturale, artistico, storico......... servizi e gestione di attività turistiche", può aderire al bando?

R: Si

 D: In merito all'art. 13 punto e) – Delibera approvazione per gli Enti Pubblici, può andar bene anche una determina dirigenziale per la data di scadenza del Bando?

R: Si, a condizione che, entro un termine che sarà comunicato dal RdM, sia fornita copia di una delibera di giunta o consiglio.

D: Le Associazioni Pro loco potrebbero partecipare a questo bando?

R: No, non sono soggetto ammissibile, a meno che non abbiano la gestione specifica (supportata da atto / accordo) di un'area sensibile di valorizzazione turistica. Ad ogni buon conto, tenuto conto della loro natura, sarebbero ammesse con un aliquota di sostegno pari al 50%.

D: il Comuna A e il Comune B decidono di presentare in associazione un progetto a valere sul bando in oggetto, se Area Programma in cui ricadono anche i due Comuni decide di presentare un progetto cosa succede?

R: Le due istanze verranno normalmente istruite.

D: Il Comuna A e il Comune B decidono di presentare un progetto a valere sul bando in oggetto, in cui Comune A capofila. Il Comune B puo' presentare un altro progetto con Comune C in cui il Comune B/C è capofila? Naturalmente investimenti diversi.

R: Il bando non pone vincoli su questo aspetto.

D: Può una sezione CAI (CLUB ALPINO ITALIANO) redigere il progetto per conto di un un'associazione di comuni avvalendosi di soci tecnici abilitati?

R: I potenziali beneficiari, in questo caso Comuni in Associazione, sono tenuti ad affidare progettazione / lavori, secondo le norme vigenti. Il quesito pertanto va verificato con le norme specifiche che devono essere rispettate dalle amministrazioni.

 D: Salve vorremmo gentilmente sapere se le Associazioni Ambientaliste possono accedere al bando.

R: Fra i beneficiari previsti dal PSR e quindi dal Bando di cui all'art. 5 non ci sono le associazioni ambientaliste, in quanto tale. Potrebbero accedere solo nell'ipotesi abbiano in capo la gestione specifica (supportata da atto / accordo) di una specifica area sensibile di valorizzazione turistica. Ad ogni buon conto, tenuto conto della loro natura, sarebbero ammesse con un aliquota di sostegno pari al 50%.

 D: Nel caso di associazioni di Comuni, quali informazioni occorre inserire nel format al paragrafo "Breve descrizione del Beneficiario" ?

R: Nel caso dei Comuni, più che "presentare" l'amministrazione, si potrebbe fare un riferimento al territorio, alle sue potenzialità ed alle politiche già messe in campo dall'amministrazione.

D: Siamo una Associazione onlus............ vorremo partecipare al bando II° BANDO MISURA 313 – Azioni A e B.
Il ns. status giuridico ci consente di partecipare al bando? Precisiamo che siamo concessionari per 30 anni di ha. 10 di un'area ove abbiamo realizzato il più grande parco sperimentale d'Italia, che vorremo completare con una sentieristica dedicata alla natura mediterranea.

R: Alle condizioni descritte se confermabili in documentazione si. Si evidenzia tuttavia che l'aliquota sarebbe quella del 50% del costo progetto.

 D: La documentazione necessaria da produrre in base all'art 13 comma 1 nel caso di Associazioni di Comuni può consistere in una determina dirigenziale che approvi il progetto con dichiarazione che l'IVA e la quota non interessata dal co- finanziamento sarà garantita con risorse proprie?

R: Si, a condizione che, entro un termine che sarà comunicato dal RdM, sia fornita copia di una delibera di giunta o consiglio.

D: Poiché il bando prevede come spesa ammissibile "interventi mirati a garantire l'accessibilità e la fruibilità per un'utenza ampliata con esigenze complesse e differenziate" e attrezzature e arredi per l' accoglienza dei visitatori", può essere considerata spesa ammissibile l'acquisto di carrozzine o altri ausili per disabili, anziani e tutti cloro con richieste particolari di accesso?

R: Si.

D: Nella domanda di aiuto utilizzando il portale Sian è richiesta alla fine la firma digitale del Soggetto Capofila in caso di Associazione di Comuni?

R: NO.

D: la Dichiarazione del beneficiario che le iniziative progettuali proposte non hanno beneficiato e non beneficeranno in futuro di altri finanziamenti pubblici (Dichiarazione sostitutiva di atto notorio)deve essere stilata in caso di Associazione di Comuni dal Comune Capofila come tutta la documentazione cartacea da inviare a corredo della domanda di aiuto, pena esclusione?

R: Si come evincibile dalla lettura dell'art. 13.

D: Come interpretare la nota n° 7 in merito al 100% di contributo per i soggetti pubblici?

R: Nel frattempo la modifica al PSR è vigente, si conferma l'aliquota di sostegno al 100% per i soli soggetti pubblici.

D: in che misura un progetto deve interessare un'area Natura 2000 per accedere al punteggio del criterio B) previsto dall'art. 14 del Bando?

R: Per quanto sarebbe auspicabile che l'intera proposta interessi interamente l'area Natura 2000, il punteggio sarà assegnato purché almeno il 51% dell'investimento sia realizzato direttamente nelle aree Natura 2000.

D: La realizzazione di un' area camper o di un' area attrezzata rientra tra le tipologie di investimento ammissibili?

R: E' ammissibile la realizzazione di un'area camper attrezzata se funzionale all'accessibilità di un percorso / itinerario turistico. Un'area attrezzata in generale no.

 D: una iniziativa può riguardare sia l'azione A che l'azione B?

R: Si

D: In caso di associazione di due Comuni , poiché Il finanziamento è ottenuto dal Comune Capofila sarà tale Comune direttamente ad affidare alle società, aziende, ditte ecc l'esecuzione di tutte le attività materiali e immateriali da effettuarsi in entrambi i Comuni o dovrà assegnare una parte al Comune non capofila che dovrà poi affidare l'esecuzione delle predette attività alle società, aziende ditte ecc.?

R: Tutti i Comuni devono partecipare finanziariamente alla realizzazione dell'iniziativa. Il Bando non pone vincoli, i rapporti nella partnership saranno disciplinati dall'accordo fra i vari soggetti nel rispetto delle leggi pertinenti.

D: Il chiosco informativo multimediale può essere solo un totem?

R: L'Ufficio competente valuterà la proposta progettuale nel suo insieme. Non è quindi possibile ex –ante dire se un solo totem può essere sufficiente a qualificare la proposta. Si coglie tuttavia l'occasione per evidenziare che opzioni d'investimento non armoniche rispetto all'iniziativa nel suo complesso quanto funzionali al solo conseguimento di punteggi, potrebbero essere ritenute non meritevoli di assegnazione di punteggio.

D: Nel progetto devono essere indicati dettagliatamente gli arredi nel centro nel centro informativo? E in quale voce di costo nel piano degli investimenti devono essere indicati?

R: Si, in dettaglio. Voce A1 dell'allegato.

D: Le mappe tattili e le bacheche esterne al centro informativo sono spese ammissibili?

R: Qualora facciano parte dell'investimento, si.

D: La sistemazione infrastrutturale di sentieri rappresenta una spesa ammissibile? E in tal caso nel piano degli investimenti deve essere indicata nella voce B1?

R: Si. Voce B1

D: L'attivazione di un chiosco informativo multimediale sui percorsi garantirebbe il punteggio assegnabile secondo il criterio D " Progetti connessi all'attivazione di centri di informazione"?

R: Vedi risposta precedente, con il testo sottolineato.

 

 D: La delibera per la costituzione degli ATS tra comuni deve essere di Giunta o di consiglio?

R: il bando parla genericamente di deliberazione, sia essa di Giunta o Consiglio.

D: La nostra cooperativa gestisce un rifugio montano, per il quale ha ricevuto già un finanziamento per la realizzazione parziale delle opere edili di ristrutturazione.
Possiamo, con questa misura, chiedere contributi SOLO per l'allestimento del rifugio e del centro di informazione (nella misura del 50% in quanto organismo privato gestore)?
In tal caso, tra la documentazione cartacea da inviare (come da art.13), è necessaria la planimetria (punto f art.13)? se sì, per quale motivo?
Oltre agli arredi del rifugio e del centro di informazione, noi vorremmo comprare degli ausili per i disabili: è possibile?
Se i costi delle singole attrezzature e macchinari NON superano singolarmente i 5.000,00 €, bisogna comunque produrre tre preventivi?

 

R: E' possibile candidare una iniziativa con soli arredi per un rifugio già funzionale. Va inviata la planimetria dell'area rifugio, in quanto è prevista dal Bando. Circa gli ausili il quesito è posto in maniera troppo generica. Circa i preventivi sino a € 5.000,00, l'art. 13 è molto chiaro, vanno presentati tre preventivi.

D: una parte del nostro progetto è relativo all'uso di tecnologie per la definizione di percorsi e per la valorizzazione dei beni storici e culturali presenti sul territorio. Nello specifico.....l'intento è quello di predisporre applicativi mobili specifici (predisposizione di un'app per accompagnare i turisti lungo il percorso, predisposizione di strumenti per la connessione in prossimità, realtà aumentata e storytelling...) In definitiva, succederebbe che il turista, giunto nel punto di accoglienza, scaricherebbe l'applicazione sul suo dispositivo smart (o su uno messo a disposizione dall'organizzazione) e si incamminerebbe lungo il percorso lungo il quale usufruirebbe di servizi come l'informazione di prossimità, attraverso QR code, podcast che "narrano"......

R: Sono finanziabili solo elementi "fissi" (es. QR, infopoint multimediali), non sono finanziabili dispositivi mobili (es. tablet, smartphone....).

D: E' finanziabile la spesa necessaria a costruire una app? 

R: La progettazione e la realizzazione si.

D: è finanziabile la spesa necessaria per costruire i contenuti che si attivano quando il monumento viene puntato ovvero filmati, contributi audio etc;

R: Si

D:è finanziabile la spesa relativa all'acquisto di smartphone e tablet che verrebbero messi a disposizione di quei soli turisti che sono sprovvisti di un loro supporto e verrebbero riconsegnati al termine del percorso

R: No

D: è finanziabile la spesa relativa ad apparecchiature che dovessero rendersi necessarie per propagare la copertura internet lungo il percorso?
R: No

 

 D: una parte del nostro progetto è relativo all'uso di tecnologie per la definizione di percorsi e per la valorizzazione dei beni storici e culturali presenti sul territorio. Nello specifico.....l'intento è quello di predisporre applicativi mobili specifici (predisposizione di un'app per accompagnare i turisti lungo il percorso, predisposizione di strumenti per la connessione in prossimità, realtà aumentata e storytelling...) In definitiva, succederebbe che il turista, giunto nel punto di accoglienza, scaricherebbe l'applicazione sul suo dispositivo smart (o su uno messo a disposizione dall'organizzazione) e si incamminerebbe lungo il percorso lungo il quale usufruirebbe di servizi come l'informazione di prossimità, attraverso QR code, podcast che "narrano"......

R: Sono finanziabili solo elementi "fissi" (es. QR, infopoint multimediali), non sono finanziabili dispositivi mobili (es. tablet, smartphone....)

D: Posso trasferire il progetto originario su di un suolo di cui come titolo di proprietà ho l'assegnazione del consiglio comunale e di cui ho anche versato un acconto ed è stato conteggiato il prezzo, in attesa dell'atto formale ? si tratta in effetti di un "compresso" o promessa di acquisto o se preferite cessione.

R: Si, se l'assegnazione del lotto del Consigli Comunale avviene per il 30/04. No in tutti gli altri casi.

D: "All'art. 9 del bando si evidenzia che l'IVA costituisce generalmente una spesa non ammissibile, salvo che essa resti definitivamente a carico del beneficiario. Premesso che un'associazione di Comuni intende candidare un progetto per il quale l'IVA sugli investimenti costituisce un costo e, quindi, essa resta definitivamente a carico dei beneficiari rappresentando perciò una spesa ammissibile, ai sensi del citato art. 9, si chiede di sapere se il tetto di spesa dell'investimento candidabile resta comunque di Euro 100.000 oltre IVA, anche in presenza di IVA ammissibile. In tal caso la spesa complessivamente ammissibile alle agevolazioni per i Comuni proponenti sarebbe quindi di Euro 122.000: 100.000 + IVA, all'attuale aliquota del 22%. In caso affermativo, la copertura del costo dell'IVA è garantita dal "Fondo IVA" citato nel bando? Rappresenta quest'ultima una ulteriore forma di contributo regionale, da contabilizzare in modo differente?".

R: In base alla regolamentazione, per i Soggetti Pubblici, l'IVA non è mai spesa ammissibile per definizione.
L'importo progettuale va sviluppato IVA esclusa.
L'AdG del PSR ha disposto la costituzione di un Fondo IVA regionale che permetterà il rimborso (non l'ammissibilità) dell'IVA sostenuta dal Soggetto Pubblico.

 

 D: la data di scadenza per l'invio del plico è confermata al 3 maggio anche se di sabato? Fa fede il timbro di partenza?

R: Si, per ambedue le domande.

 

 

 

 

Pubblicato in FAQ
Giovedì, 06 Settembre 2012 10:53

Faq Bando Misura 214 Azione 5

FAQ n.1 Partecipazione a più progetti
A seguito di numerose richieste di chiarimenti da parte di Enti ed Agenzie interessate al Bando 214 azione 5 si specifica che:

Gli Enti di Ricerca e le Agenzie, quali soggetti beneficiari del Bando in oggetto, si occupano di numerosi settori di attività di ricerca concernenti sia l'ambito "specie vegetali" minacciate da erosione che l'ambito "razze animali" a rischio estinzione, pertanto, si intende che sia il Soggetto Promotore (Capofila) che il soggetto Partner possono, rispettivamente, proporre e partecipare ciascuno a due progetti, purchè uno riguardi le specie vegetali e l'altro le razze animali.

Ad integrazione alla Faq n.1 si precisa che:

a. il soggetto capofila in un progetto di Agrobiodiversità vegetale può essere solo partner in un progetto di Agrobiodiversità animale e viceversa.

b. Il soggetto partner in un progetto di Agrobiodiversità vegetale può essere anche partner in uno di Agrobiodiversità animale.

Pubblicato in FAQ
Venerdì, 27 Gennaio 2012 10:43

Faq Bando Misura 311 Azioni A e B

D: In considerazione del fatto che il bando scade il giorno 20 marzo 2012, ovviamente si riferisce alla domanda ONLINE tramite SIAN, desidero sapere se il materiale cartaceo (rif. Art 13 del bando) deve essere inviato lo stesso giorno o se (come per molti bandi) i termini di consegna del cartaceo è posticipata?

R: L'art. 12 del bando in oggetto prevede che la trasmissione cartacea della domanda di aiuto, completa di tutta la documentazione, debba avvenire entro 60 giorni consecutivi a far data dal giorno successivo alla pubblicazione sul BURB del bando, limitando, alle sole domande inserite nel portale gli ultimi due giorni utili, la possibilità di inviare la domanda medesima in formato cartaceo, completa di tutta la documentazione, entro i tre giorni immediatamente successivi alla data di scadenza. Con DGR 02.03.2012 N. 230 è stato prorogato il termine di scadenza al 20.03.2012, ed è a tale termine che va riferito tutto quanto relativo alle <<…… istanze inserite nel portale gli ultimi due giorni utili >>, per le quali << sarà possibile inviare la domanda in formato cartaceo, completa >> di tutta la documentazione, << entro e non oltre i 3 (tre) giorni immediatamente successivi alla data di scadenza >>.

D: Un'azienda agrituristica ubicata in agro di Montescaglioso (MT) come da bando può partecipare solo che: nella macro area B gli interventi saranno residuali e riservati esclusivamente alle aziende agricole che presentano svantaggi strutturali che ne limitano la competitività per quanto riguarda l'attività agricola.Vorrei sapere cosa significa in termini operativi (chi deve valutare la competitività per quanto riguarda l'attività agricola dell'azienda)?

 R: La Giunta Regionale con proprio provvedimento del 16.01.2012 N. 17 ha stabilito, in riferimento agli investimenti relativi a progetti presentati nell'ambito dei PIF Misura 3.1.1, ubicati nella macro-area B del PSR Basilicata 2007-2013, che le condizioni di svantaggio strutturale, si verificano in presenza delle seguenti condizioni:
1) pendenza media dell'intera superfice aziendale > 15%;
2) difficile lavorabilità del terreno (contenuto in argilla nello strato superficiale del suolo > 20%);
3) proprietà chimiche del suolo limitanti (salinità > 4 dS/m, oppure sodicità > 6% di sodio scambiabile).

La Giunta Regionale ha anche stabilito che almeno una delle suddette condizioni debba sussistere ai fini dell'ammissione a finanziamento dei potenziali beneficiari della Misura 3.1.1, le cui aziende ricadono nella macro-area B del PSR Basilicata 2007-2013 e che le suddette condizioni debbano essere dimostrate, per il punto 1) mediante idonea planimetria aziendale con curve di livello; per i punti 2) e 3) mediante relazione tecnica asseverata.
Pertanto, anche per la partecipazione al bando Misura 3.1.1, Azioni A e B dovranno essere dimostrate le condizioni di svantaggio strutturale nel rispetto di quanto sopra evidenziato.

D:   Un'azienda iscritta all'albo dell fattorie didattiche può prevedere con questo bando la realizzazione di sito web, orto didattico e area verde attrezzata facendo riferimento alla sottoazione B2 e recupero e valorizzazione di un fabbricato accatastato come museo contadino, recinzioni e parcheggi facendo riferimento alla sottoazione B1?

R: L'Azione B, Sottoazione B1 del bando prevede il finanziamento di investimenti per la creazione e l'ampliamento di fattorie didattiche, pertanto il verde attrezzato, l'orto didattico, la sistemazione di parcheggi e il recupero di fabbricati, registrati al catasto già al servizio dell'azienda agricola e non più necessari alla stessa, possono essere candidati a finanziamento con la Sottoazione B1 e di cui innanzi. Con la Sottoazione B2, invece, possono essere candidati a finanziamento l'acquisto di attrezzature, anche informatiche, funzionali alle attività da svolgere, ivi comprese le spese di consulenza per la creazione ed implementazione di siti Web.

D: Si è preso atto che è stato pubblicato in nuovo prezzario regionale edizione 2012 e che da quanto risulta è stato già dal 2007 unificato con quello agricoltura, si richiedono alcuni chiarimenti:

1) - La stima dei lavori di cui al bando va determinata esclusivamente secondo il suddetto prezzario 2012 ??
2) - Per le lavorazioni non previste (es attrezzature) vanno presentati 3 preventivi.
3) - Per i Lavori in Economia vale sempre il prezzazio 2012 da cui si avrà cura di considerare l'incidenza della manodopera per il calcolo delle ore/minuti/uomo e quindi dell'Importo dei lavori in economia (forniture a parte) da portare nel quadro economico di previsione ????
4) - Oppure occorre desumere che le LAVORAZIONI IN ECONOMIA dal vecchio prezzazio agricoltura del 2003 per come aggiornato nel 2008 (DGR 630/2008 o D.G.R. n. 1767 del 07.11.2008 pubblicata sul BUR n. 54 del 21.11.2008 Prezzario del Dipartimento Agricoltura SREM approvato con DD.GG.RR. nn. 2146/2001 e 1121/2003. Adeguamento prezzi unitari) che riporta anche il n° di ore/minuti/uomo per le diverse lavorazioni ?

R: La quantificazione metrico-estimativa degli investimenti da realizzare e attribuibili al bando attuativo della Misura 3.1.1, Azione A e B del PSR Basilicata 2007-2013, dovrà tener conto del "Prezzario Regionale 2012", approvato con DGR 22.12.2011 N. 1941 e pubblicato sul Supplemento Ordinario al BURB N.1 del 05.01.2012.
Per quanto attiene, invece, ai lavori che possono essere eseguiti direttamente dall'imprenditore e dai suoi familiari si dovrà tener conto, limitatamente ai soli parametri non economici, del "Prezzario del Dipartimento Agricoltura" approvato con DGR 2146/2001 e ss. mm. ed ii. (ultima in ordine di tempo è la DGR 07.11.2008 N. 1767).
Per le voci di spesa, infine, non comprese nel Prezzario 2012 e di cui innanzi ( arredi, attrezzature, macchine, ecc....), risulterà necessario presentare 3(tre) preventivi di spesa riferiti al medesimo oggetto e prodotti da ditte concorrenti.

D: In riferimento al bando in oggetto, si prega di voler cortesemente fornire delle note interpretative, che risulteranno utili a tutti i tecnici, a riguardo dei seguenti punti dello stesso:
All'art. 13 – Documentazione richiesta,al punto 8 è riportato "Elaborati tecnico – grafici (planimetria, piante prospetti e sezioni, particolari costruttivi,)circa gli investimenti (solo per le istanze ammesse e finanziabili);al punto 9 è riportato "Computo metrico estimativo, secondo il prezzario regionale in vigore alla data di pubblicazione del bando sul BURB (solo per le istanze ammesse e finanziabili);Quesito: cosa significa "(solo per le istanze ammesse e finanziabili)" in questa prima fase di invio delle domande di partecipazione non bisogna inviare questi elaborati ?e se così fosse da dove si dovrebbe desumere l'importo di spesa per le opere murarie della sottoazione B1 ?al punto 7 è riportato : "Solo per le istanze dell'Azione A - Piano aziendale .........."Quesito: quindi per l'azione B non è richiesto ilpiano aziendale ?e se così fosse come farebbe il tecnico a dimostrare l'efficacia e la convenienza economica ad effettuare l'investimento richiesto ?

R: Gli elaborati tecnico-grafici ed il computo metrico estimativo, solo per le aziende regolarmente iscritte nell'elenco regionale degli operatori agrituristici, potranno presentarsi ad istanza ammessa e finanziata, potendosi desumere l'importo per le opere murarie e quant'altro dalla relazione tecnica di cui al punto 12 dell'articolo 13 del bando. Per le aziende, invece, che richiederanno l'iscrizione in contemporanea con la presentazione della domanda di contributo e per le aziende non in regola con l'iscrizione (es. certificato scaduto, convalida non verificata, ecc...) la documentazione di cui innanzi va prodotta all'atto di presentazione della domanda di contributo. Il Piano aziendale, necessario per l'Azione A, è surrogato per l'Azione B dalla relazione tecnica, prevista al punto 12 dell'articolo 13 del bando, che consentirà, tra l'altro, anche le eventuali valutazioni di natura economico-finanziarie.

D: Poiché ho letto che la compilazione della domanda dovrà avvenire per il tramite di un centro autorizzato di assistenza agricola convenzionato con l'organismo pagatore o tramite un libero professionista previo conferimento di un    mandato vorrei sapere:
- quali sono i CAA convenzionati?
- come fa il libero professionista a munirsi di delega e ad accreditarsi alla Regione per entrare in possesso delle credenziali di accesso all'area riservata?
R: Le informazioni necessarie per l'accreditamento dei liberi professionisti sono disponibili al seguente link:
http://www.basilicatapsr.it/psr/servizi/portale-sian-accreditamento
Per quanto riguarda invece i CAA convenzionati si precisa innanzitutto  che i CAA, Centri di Assistenza Agricola,  disciplinati dal decreto ministeriale 27 marzo 2001 e successivamente dal D.M. 27 marzo 2008 "Riforma dei Centri autorizzati di assistenza agricola", rappresentano il tramite tra gli agricoltori e gli Enti che gestiscono e finanziano i programmi d'intervento.
I CAA sono dei soggetti privati ai quali AGEA delega i compiti di istruttoria dei fascicoli aziendali delle imprese agricole; i CAA, previo mandato scritto del titolare dell'azienda, predispongono, validano ed inviano agli organismi pagatori, le istanze di erogazione degli incentivi, premi e indennità.
Un elenco, seppur non aggiornato, ma comunque indicativo può essere rintracciato al seguente link: 
http://www.arbea.basilicata.it/index.php?option=com_content&task=view&id=4&Itemid=68

D: 1) Il soggetto intenzionato ad eseguire un intervento nell’ambito dell’azione B deve essere già in possesso dell’attestato di formazione regionale previsto dalla DGR 1052/2008 alla scadenza del bando?

2) Un fabbricato registrato in catasto in data antecedente al 5.03.2012, ma successiva alla pubblicazione del bando, può essere  candidato al finanziamento  se viene inserito nell’aggiornamento o costituzione del fascicolo aziendale?
3) Constatato che  in riferimento alla dicitura “ Tecnico Abilitato”, il bando all’art.13 punto 7, specifica che sono tecnici abilitati :Dottori in scienze Agrarie, Dottori in Scienze Forestali, Agrotecnici e Periti Agrari:
a.se i documenti richiesti dal bando all’art.13 punti 8,9,10,11,12,15 devono essere tutti redatti dai tecnici abilitati definiti al suddetto punto 7?
b.In caso di risposta negativa, possono essereda un  ingegnere tutti o alcuni (quali?).

R: Il bando relativo alla Mis. 311 az.B, non richiede il possesso dell'attestato di formazione regionale previsto dalla DGR 1052/2008;
Possono essere utilizzati fabbricati registrati al Catasto, già a servizio dell'azienda agricola e non più necessari alla stessa.
Il Piano aziendale previsto al punto 7 art. 13 del Bando dovrà essere redatto necessariamente da un tecnico agricolo abilitato (Agronomi, Agrotecnici, Periti agrari). Gli altri documenti richiesti dall'art. 13 del Bando, punti 8,9,10,11,12, e 15 potranno essere redatti anche da Ingegneri e/o altri tecnici abilitati.

 

D: Ho intenzione di diventare Imprenditore Agricolo. Attualmente mi occupo di formazione professionale, sono titolare di partita iva al minimo come sociologo.Sarei molto interressato a costituire una fattoria sociale. Posso partecipare al Bando?
R: Può partecipare al bando qualora sia in possesso dei requisiti previsti dallo stesso, e previa iscrizione della sua zienda nella sezione agricola della CCIAA e dell'INPS.

D 1. L'azione B della misura 311 permette il recupero di fabbricati esistenti e registrati al catasto quali spazi di foresteria e camere da letto per i fruitori e operatori della fattoria multifunzionale (art. 8) e se si oltre ai lavori edili quali materiali e arredi sono finanziati?;
2. L'azione B della misura 311 prevede l'acquisto di macchinari ad uso cucina da utilizzare per la degustazione dei prodotti?;
3. l'azione B della misura 311 permette il finanziamento di nuovi fabbricati?
R: La Misura 311 azione B non prevede il finanziamento di nuovi fabbricati e non consente il recupero di fabbricati per foresteria, camere da letto e/o l'acquisto di attrezzatura ad uso cucina. Potrà essere consentito l'acquisto di attrezzature ed arredi per usi didattici.

D: Un fabbricato in costruzione, registrato in catasto alla categoria speciale F (fabbricato in costruzione), può essere oggetto di finanziamento per il suo completamento al fine di svolgervi agriturismo (azione A) o insediamento di fattoria sociale (azione B) ai sensi del bando mis. 311 "diversificazione in agricoltura"?
R: Possono essere utilizzati i fabbicati registrati al catasto, già al servizio dell'azienda agricola e non più necessari alla stessa.

Pubblicato in FAQ
euspacer1 regbasspacer2repubblicaita

To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information